Da tempo ormai l'orientamento del suo percorso è autorevole e ineludibile

Bruno Corà a proposito dell'opera di Giorgio Pagano:
… Da tempo ormai l'orientamento del suo percorso è autorevole e ineludibile, al centro com’è della tensione per la creazione di un pensiero e una lingua integralmente rinnovate e tese a nominare la sensibilità civile dell’arte europea a venire".
Vengono in mente […] i luoghi di quella discussione avvenuta soprattutto tra Joseph Beuys e Jannis Kounellis […] quando nel confronto tra i due artisti l’argomento Europa si affacciò a più riprese : "…la crisi europea del dopoguerra … (è che) … Non c’è una credibilità reale …Questa discussione serve alla credibilità della forma, e riguarda noi artisti, per quanto diversi. L’obiettivo è l'Europa, non come comunità europea, ma come coscienza europea, uscita dal dopoguerra" (Kounellis).
E, d'altra parte, anche se richiederà una grandissima quantità di distinguo e di delicate operazioni che rilancino l'ampiezza dei profili che dovrà mantenere il processo unificante le diverse culture europee rispettando le ricchezze e le differenze patrimoniali di ciascuna cultura e popolazione, la proposta contenuta (nell'opera di Pagano) sembra poter fornire una risposta al quesito sollevato da Joseph Beuys in quell'occasione: "…dove vogliamo arrivare con questa discussione? Dov’è l’obiettivo? Mancano sia la diagnosi che la terapia…". L’attualià […] di Pagano invece è l’essersi spinto nella diagnosi e l’aver formulato la terapia, essa infatti risiede nel carattere positivo delle sue proposizioni; non che esse escludano dubbi o difficoltà per l’azione a venire ma che ancor più determinanti di quelle pur lecite interrogazioni sulle quali si sono fondate le ragioni della crisi, appaiono ora necessarie le non più procastinabili scelte per la definizione di appartenenza culturale al disegno di unificazione della cultura europea".

Bruno Corà è critico e scrittore d'arte, Direttore artistico di diversi Musei d'Arte Contemporanea da quello di Parto a quello di Lugano

 

Ultima modifica il Martedì, 19 Novembre 2013 02:41
(C) Giorgio Kadmo Pagano